Vuoi apparire più convincente? Prova con due piedi sinistri!!!

Aggiornato il: 29 ott 2019


In questi anni abbiamo visto tanti obbrobri dovuti all'uso maldestro di Photoshop, spesso abbinati a modelle o donne dello spettacolo alle quali per nascondere miracolosamente qualche chilo o smagliatura veniva tolto troppo e male. A cascarci però nelle ultime ore è stato il primo ministro australiano Scott John Morrison.

Il politico si è fatto scattare la solita foto da inserire sui social nel quale si vede felice con la propria famiglia, fra l'altro con uno scatto poco convincente perché tagliato eccessivamente sia nella parte sinistra che in quella bassa. Forse avrebbe fatto meglio a ingaggiare un bravo fotografo invece di un social manager improvvisato nel suo staff!

Purtroppo quando la foto è arrivata al suo staff qualcuno deve aver deciso che le logore scarpe Adidas che indossava nella foto non fossero adeguate al suo prestigio e le ha sostituite maldestramente con delle scarpe così candide da risultare del tutto innaturali. Già il fotoritocco a prima vista appare fatto in maniera approssimativa, ma poi se si guarda meglio si vede che chi ha modificato la foto lo ha fatto anche inserendo due piedi sinistri al primo ministro!!!

La notizia è dilagata sui social australiani ovviamente e qui sotto vi inseriamo alcune foto circolate su Twitter, ma il primo ministro l'ha presa sul ridere dicendo di aver avvisato il suo staff che se in futuro vorrà migliorare la sua immagine è meglio che si occupi dei capelli invece che delle scarpe.

#Photoshop #ScottJohnMorrison

  • Facebook - Black Circle

Facebook

  • Twitter - Black Circle

Twitter

  • Instagram - Black Circle

Instagram

Invia un suggerimento

RSS Feed
logo fotografiamo.png

il blog per chi ama la fotografia b

© 2019 by FotografiAmo.net. Proudly created by studioevidence www.fotografiamo.net

Fotografiamo.net non assume alcuna responsabilità per l'uso che potrebbe essere fatto di qualsiasi informazione o argomento contenuta nel sito, ne può garantirne l'esattezza in ogni minima parte anche se cura e pubblica il materiale con il massimo impegno e buona fede.