G-CNG5V1EEK1
top of page

Il Telescopio spaziale WEBB e gli elementi costitutivi dei mondi abitabili

Il Telescopio spaziale WEBB è stato utilizzato per identificare una gamma di gas in una nube, e nello specifico molecole di carbonio, idrogeno, ossigeno, azoto e zolfo, che sono poi gli elementi costitutivi dei mondi abitabili.


Questi elementi sono ingredienti importanti sia nell'atmosfera dei pianeti abitabili sia come base di zuccheri, alcoli (composti organici di struttura simile agli alcani, in cui un atomo di idrogeno è sostituito da un gruppo ossidrilico) e amminoacidi semplici, spiegano la NASA e l'ESA.


In breve, non solo la foto del telescopio satellitare Webb è bellissima da vedere, un po come tutte le foto elaborate fino ad ora, ma è stata utilizzata per identificare le prime fasi delle formazione planetarie.

La foto sopra, catturata dalla Near-Infrared Camera (NIRCam) del telescopio Webb, mostra la regione centrale della nube Chamaeleon I situata a 630 anni luce di distanza.



Il materiale della nuvola fredda e sottile (blu, al centro) è illuminato nell'infrarosso dal bagliore della giovane protostella in uscita Ced 110 IRS 4 (arancione, in alto a sinistra). La luce di numerose stelle sullo sfondo, viste come punti arancioni dietro la nuvola, può essere utilizzata per rilevare i ghiacci nella nuvola, che assorbono la luce stellare che li attraversa", "I nostri risultati forniscono informazioni sulla fase chimica oscura iniziale della formazione del ghiaccio sui granelli di polvere interstellare che cresceranno nei ciottoli delle dimensioni di un centimetro da cui si formano i pianeti nei dischi", come spiega Melissa McClure, astronoma dell'Osservatorio di Leiden nei Paesi Bassi , che è la ricercatrice principale del programma di osservazione e autore principale dell'articolo che descrive questo risultato.

"Queste osservazioni aprono una nuova finestra sui percorsi di formazione delle molecole semplici e complesse necessarie per costruire i mattoni della vita".


Il team dietro al telescopio WEBB è stato anche in grado di identificare molecole più complesse che, secondo loro, dimostrano per la prima volta che queste molecole complesse si formano nelle profondità ghiacciate delle nubi molecolari prima di formarsi poi nelle stelle.



Questa ricerca fa parte del progetto Ice Age , che sta cercando di rintracciare i "mattoni della vita" attraverso il telescopio spaziale Webb.


Crediti immagine: NASA, ESA, CSA e M. Zamani (ESA/Webb); Scienze: F. Sun (Steward Observatory), Z. Smith (Open University) e il team ERS dell'era glaciale.

Comentarios


bottom of page