"Cent’anni dopo – Ricordi di guerra, Sguardi di pace"

Aggiornato il: 29 ott 2019


Vi parliamo oggi del bel progetto nato dalla collaborazione fra Fujifilm e Cascina Roma Fotografia.

La mostra “Cent’anni dopo – Ricordi di guerra, Sguardi di pace”, che è iniziata il 24 novembre 2018 e si chiuderà il 12 febbraio 2019, racchiude 102 immagini che ripercorrono i luoghi teatro della Prima Guerra Mondiale per raccontare cosa sono stati allora e cosa sono diventati questi posti oggi.

Fujifilm ha chiesto a cinque professionisti dell’immagine: Giulia Bianchi, Luciano Gaudenzio, Daniele Lira, Pierluigi Orler e Gianluca Colla di realizzare un progetto fotografico sulla Prima Guerra Mondiale a 100 anni dalla sua fine.

I cinque punti di vista ripercorrono i luoghi teatro della guerra, un territorio che va dal Passo del Tonale sino alla Marmolada per 500 chilometri, il confine conteso tra l’esercito italiano e quello austro-ungarico. Il lavoro culmina in una mostra-racconto con curatela di Giovanna Calvenzi che ha saputo far dialogare assieme le immagini di autori con stili e approcci differenti, creando un ricco racconto che si articola in quattro chiavi di lettura: quella del paesaggio dei luoghi interessati, quella dell’esperienza legata ai sentieri ed ai rifugi, quella di documentazione dei reperti del conflitto ed infine una globale, fortemente emozionale, affidata ad immagini video.

La mostra sarà in esposizione, a ingresso gratuito, sino al 12 febbraio 2019 presso Cascina Roma di San Donato Milanese.

Il Comune di San Donato presenta a latere della mostra “Cent’anni dopo – Ricordi di guerra, Sguardi di pace” un ricco programma di eventi gratuiti, tra cui concerti, incontri culturali, proiezioni, pensati per regalare ai visitatori un’esperienza ancora più unica e straordinaria.

Per la programmazione completa e per maggiori informazioni visitare il sito www.cascinaromafotografia.it, nel frattempo vi indichiamo il programma che ci è stato inviato.

EVENTI CASCINA ROMA FOTOGRAFIA

  • Giovedì 13 dicembre ‘18 ore 21:00 – Cascina Roma

Cent’anni dopo – Ricordi di guerra, Sguardi di pace”. Incontro con gli autori.

Relatori: Giovanna Calvenzi, Giulia Bianchi, Pierluigi Orler.

Moderatore: Alberto Prina.

A più voci si condurrà il pubblico alla scoperta del progetto, della sua definizione e messa in mostra.

  • Giovedì 24 gennaio – ore 21:00 – Cascina Roma Cent’anni dopo – Ricordi di guerra, Sguardi di pace”. Incontro con gli autori.

Relatori: Luigi Gaudenzio, Daniele Lira.

Moderatore: Alberto Prina.

  • Mercoledì 23 e 30 gennaio, 6 febbraio ’19 – ore 21:00 – Cascina Roma

I mercoledì del Trento Film Festival: serate di proiezioni di cortometraggi e documentari esclusivi.

  • Sabato 2 febbraio 2019 – ore 16:30

Proiezione documentario “La grande guerra sull'Altopiano di Asiago raccontata da Mario Rigoni Stern” promosso dal Circolo 6x4

  • Giovedì 7 febbraio ’19 – ore 21:00 – Cascina Roma

All’orizzonte solo nuvole 1918/2018. Incontro con l'autore: Marco Brioni.

  • Mercoledì 13 febbraio – ore 21:00 – Cascina Roma

Milano, cent’anni dopo. Serata CAI con Alfredo Costa, Consigliere CAI Milano.

Per il programma EDUCATIONAL, ogni martedì e venerdì, dalle 10:00 alle 14:00 Cascina Roma si apre a incontri dedicati alle scuole. Studenti e insegnanti verranno accolti all'interno del percorso espositivo per visite guidate. Per prenotazioni scrivere a info@cascinaromafotografia.it

#Fujifilm #CascinaRomaFotografia #CentannidopoRicordidiguerraSguardidipac #GiuliaBianchi #LucianoGaudenzio #DanieleLira #PierluigiOrler #GianlucaColla #PrimaGuerraMondiale #GiovannaCalvenzi

  • Facebook - Black Circle

Facebook

  • Twitter - Black Circle

Twitter

  • Instagram - Black Circle

Instagram

Invia un suggerimento

RSS Feed
logo fotografiamo.png

il blog per chi ama la fotografia b

© 2019 by FotografiAmo.net. Proudly created by studioevidence www.fotografiamo.net

Fotografiamo.net non assume alcuna responsabilità per l'uso che potrebbe essere fatto di qualsiasi informazione o argomento contenuta nel sito, ne può garantirne l'esattezza in ogni minima parte anche se cura e pubblica il materiale con il massimo impegno e buona fede.