L'app DPTH applica effetti di profondità simulati a qualsiasi immagine!


Le modalità artificiali di bokeh nelle app per smartphone che simulano una profondità di campo ridotta stanno migliorando, ma ci sono ancora molti vecchi dispositivi che non offrono questa funzionalità.

Allo stesso modo, gli utenti dei telefoni dotati di modalità bokeh potrebbero avere immagini sul loro rullino fotografico che sono state catturate in modalità standard e potrebbero così beneficiare di una simulazione ben fatta di profondità.

In entrambi i casi, la nuova app DPTH merita di essere scaricata e provata. I suoi creatori dichiarano che l'app può aggiungere profondità di campo e effetti fotografici 3D regolabili a qualsiasi immagine, sia da un singolo obiettivo o catturati su uno smartphone di fascia alta a tripla camma.

L'app utilizza le informazioni salvate nei file per rilevare gli elementi in primo piano e di sfondo in un'immagine e creare una mappa di profondità che viene poi utilizzata per creare gli effetti regolabili dall'utente.

I creatori dell'app non forniscono molte informazioni su come funziona esattamente il processo, ma il video dimostrativo dà un'idea di come possono essere i risultati finali.

L'app è disponibile per dispositivi iOS e Android e utilizza un modello di abbonamento per la versione pro che permette anche un effetto 3D molto realistico o un piano gratuito che permette di gestire l'effetto profondità in modo ottimale anche su vecchie foto.

#DPTH #App

  • Facebook - Black Circle

Facebook

  • Twitter - Black Circle

Twitter

  • Instagram - Black Circle

Instagram

Invia un suggerimento

RSS Feed
logo fotografiamo.png

il blog per chi ama la fotografia b

© 2019 by FotografiAmo.net. Proudly created by studioevidence www.fotografiamo.net

Fotografiamo.net non assume alcuna responsabilità per l'uso che potrebbe essere fatto di qualsiasi informazione o argomento contenuta nel sito, ne può garantirne l'esattezza in ogni minima parte anche se cura e pubblica il materiale con il massimo impegno e buona fede.