G-CNG5V1EEK1
 

Cosa succede quando l'acqua salata si fa strada all'interno di una Fujifilm GFX100 da 11.000 euro?

Roger e il suo fidato assistente Aaron, della LensRentals, società di noleggio di materiali fotografico, hanno smontato una delle loro fotocamere di medio formato di Fujifilm danneggiata durante un noleggio, utilizzata all'interno di una custodia per immersioni ( poco affidabile probabilmente ).


La  "Fuji Service" ha risposto  alla loro richiesta di assistenza che la riparazione non era possibile, quindi il dinamico duo si è assunto la responsabilità di recuperare i componenti che potevano.



Secondo Roger esiste una regola generale sui danni causati dall'acqua, "dentro è sempre peggio che fuori" e, sfortunatamente, nel caso di questa GFX100, la regola si è rivelata vera ancora una volta.

Mentre l'esterno sembrava per lo più indenne, l'interno era pieno di viti corrose, cavi flessibile e punti di saldatura rovinati.


Roger e Aaron hanno salvato ciò che potevano, vale a dire il pannello LCD, la slitta e pochi altri pezzi, ma per quanto lo smontaggio era incentrato al recupero di componenti funzionanti, si trattava anche di poter smontare una fotocamera da € 11.000 . Infatti, Aaron e Roger hanno potuto verificare con i propri occhi le decisioni ingegneristiche e toccare con mano componenti interessanti all'interno della fotocamera.


Dal robusto gruppo IBIS, al meccanismo dell'otturatore montato a molla, la GFX 100 si è dimostrata ben progettata, come lo stesso Roger aveva sperato in una fotocamera delle sue dimensioni (e del suo prezzo).


Detto questo, l'impermeabilizzazione non è il suo punto forte, quindi che si tratti di acqua dolce o salata, non sfidare troppo la fortuna quando sei sotto la pioggia o vicino al mare con la GFX100.


di seguito alcune immagini:



0 commenti

Post recenti

Mostra tutti