Il Mondo di Steve McCurry

Aggiornato il: 29 ott 2019


Le foto del noto fotografo del National Geographic Steve McCurry le conosciamo tutti, ma quanti conoscono l'uomo che c'è dietro quelle fotografie? Questo libro non è una biografia del grande fotografo, ma come tiene a precisare sin da subito l'autore Gianni Riotta questo libro è il frutto di una serie di conversazioni che il giornalista italiano ha avuto con Steve e che ripercorre i punti salienti della carriera dai primordi ad oggi passando per i primi incarichi e l’affermazione definitiva avuta con il ritratto della ragazza Afghana.

Proprio il fatto che non si tratti di una biografia è il punto di forza del libro dal quale non esce uno sterile resoconto dei punti più alti e bassi di una carriera unica nel suo genere, ma si capisce il pensiero e la sensibilità dell'autore. Un pensiero che a volte ricorda molto da vicino quello di Tiziano Terzani e che in qualche modo mi ha fatto amare ancora di più questo autore.

Il libro è corredato da molte foto divise in due sezioni: “Steve McCurry nel mondo” ed “Il mondo di Steve McCurry”. Nella prima ci sono le foto di Steve durante il lavoro o lo svago su e giù per il mondo, nella seconda alcune delle sue foto più rappresentative.

L’unico appunto che posso fare al libro è che nel testo si fa riferimento a delle fotografie ritenute particolarmente importanti per capire chi sia veramente Steve McCurry, ma nella sezione “Il mondo di Steve McCurry” non sono sempre riportate.

#SteveMcCurry #GianniRiotta #Libri #IlMondodiSteveMcCurry #Mondadori #TizianoTerzani #NationalGeographic

  • Facebook - Black Circle

Facebook

  • Twitter - Black Circle

Twitter

  • Instagram - Black Circle

Instagram

Invia un suggerimento

RSS Feed
logo fotografiamo.png

il blog per chi ama la fotografia b

© 2019 by FotografiAmo.net. Proudly created by studioevidence www.fotografiamo.net

Fotografiamo.net non assume alcuna responsabilità per l'uso che potrebbe essere fatto di qualsiasi informazione o argomento contenuta nel sito, ne può garantirne l'esattezza in ogni minima parte anche se cura e pubblica il materiale con il massimo impegno e buona fede.