La Guerra Bianca al Forte di Bard

Aggiornato il: 29 ott 2019


Essendo da sempre appassionato non solo di fotografia, ma anche di montagna, e chi mi segue su Facebook o sul mio sito lo sa bene, quando mi è arrivato il comunicato stampa della nuova mostra fotografica ospitata al Forte di Bard, in Valle d'Aosta, sui luoghi della Guerra Bianca - la prima guerra mondiale vissuta sulle trincee in alta montagna - ho avuto subito la tentazione di partire per andare all'inaugurazione che si è tenuta lo scorso 28 marzo. Purtroppo i tanti chilometri non me lo hanno permesso.

Ho personalmente visitato tante trincee sui vecchi confini fra l'Italia e l'Austria, ma anche quelle lasciate dai tedeschi nel centro Italia durante la ritirata, per cui è un argomento che mi sta particolarmente a cuore.

Le foto sono del fotografo Stefano Torrione e sono state pubblicate per la prima volta dal National Geographic nel 2014. Nel comunicato stampa leggiamo che l’itinerario del fotografo, accompagnato dall’alpinista della Commissione storica della Sat Marco Gramola, segue le tracce lasciate dalle migliaia di uomini mandati a combattere e a morire in condizioni proibitive: trincee, baracche, gallerie scavate nella roccia, postazioni di combattimento, ma anche armi e oggetti personali ritrovati in quota, testimonianza di uno degli eventi più tragici della storia dell’umanità.

Per tutte le informazioni consultate il sito: https://www.fortedibard.it/mostre/la-guerra-bianca-fotografie-di-stefano-torrione/

#fotografia #montagna #FortediBard #valledAosta #GuerraBianca #PrimaGuerraMondiale #Italia #Austria #StefanoTorrione #NationalGeographic #MarcoGramola

  • Facebook - Black Circle

Facebook

  • Twitter - Black Circle

Twitter

  • Instagram - Black Circle

Instagram

Invia un suggerimento

RSS Feed
logo fotografiamo.png

il blog per chi ama la fotografia b

© 2019 by FotografiAmo.net. Proudly created by studioevidence www.fotografiamo.net

Fotografiamo.net non assume alcuna responsabilità per l'uso che potrebbe essere fatto di qualsiasi informazione o argomento contenuta nel sito, ne può garantirne l'esattezza in ogni minima parte anche se cura e pubblica il materiale con il massimo impegno e buona fede.