• Rodolfo Felici

Al Museo di Roma, palazzo Braschi, la mostra "Il Sorpasso. Quando l’Italia si mise a correre, 1

Aggiornato il: 29 ott 2019


Il Museo di Roma (a Palazzo Braschi, vicino a Piazza Navona) ospiterà dal 12/10/2018 al 03/02/2019 la mostra "Il Sorpasso. Quando l’Italia si mise a correre, 1946-1961", un ritratto collettivo degli italiani e dell’Italia della rinascita in 160 scatti, e con alcune video installazioni realizzate con filmati dell'istituto Luce. Il catalogo è edito da Silvana Editoriale e da Istituto Luce Cinecittà.

In mostra vi sono scatti di nomi del calibro di Gianni Berengo Gardin, Fulvio Roiter, Cecilia Mangini, Federico Patellani, Caio Mario Garrubba, Pepi Merisio, Wanda Wultz, Tazio Secchiaroli, Ferruccio Leiss, Romano Cagnoni, Walter Mori, Bruno Munari, Italo Insolera, Italo Zannier, e tra gli stranieri i grandi Willian Klein, Alfred Eisenstaedt, Gordon Parks.

La mostra è suddivisa in dieci sezioni tematiche che sviluppano un affascinante “doppio sguardo”, affiancando alla visione ottimistica della ricostruzione del paese avviato verso il boom economico, lo sguardo spesso critico dei fotografi indipendenti, che di quell’esplosione osservano contraddizioni, finzioni, perdite.

Informazioni:

Tel 06.06.08 tutti i giorni ore 9.00 - 19.00

Museo di Roma, Piazza San Pantaleo, 10 e Piazza Navona, 2

Orario:

Dal 12 ottobre 2018 al 3 febbraio 2019 dal martedì alla domenica ore 10.00-19.00 la biglietteria chiude alle ore 18.00 Giorni di chiusura: lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio

http://www.museodiroma.it/en/node/1002510

#museodiroma #ilsorpasso #mostre

  • Facebook - Black Circle

Facebook

  • Twitter - Black Circle

Twitter

  • Instagram - Black Circle

Instagram

Invia un suggerimento

RSS Feed
logo fotografiamo.png

il blog per chi ama la fotografia b

© 2019 by FotografiAmo.net. Proudly created by studioevidence www.fotografiamo.net

Fotografiamo.net non assume alcuna responsabilità per l'uso che potrebbe essere fatto di qualsiasi informazione o argomento contenuta nel sito, ne può garantirne l'esattezza in ogni minima parte anche se cura e pubblica il materiale con il massimo impegno e buona fede.