Le auto a guida autonoma potrebbero rovinare le nostre amate fotocamere digitali, come successo già


Il laser di un'automobile a guida autonoma con il sistema di controllo iDAR della AEye ha danneggiato permanentemente una fotocamera appartenente a un partecipante dello spettacolo CES 2019 della scorsa settimana a Las Vegas.

L'ingegnere Jit Ray Chowdhury stava scattando fotografie ad un veicolo con il sistema di guida autonomo iDAR della AEye installato sul tetto, che emette impulsi di luce laser utilizzando quest'ultima come una specie di sonar, per rilevare le distanze.

Questo sistema laser ha finito per bruciare il sensore della Sony a7R II di Jit Ray Chowdhury; tutte le fotografie scattate dopo il passaggio dell'auto risultavano contenere pixel bruciati sempre nello stesso punto. Una fotografia scattata con il copri obiettivo mostra l'intera estensione del danno sul sensore e la casa costruttrice del sistema della macchina a guida autonoma si è offerta di sostituire la macchina fotografica del signor Chowdhury, sottolineando che, avendo fotografato altri veicoli simili, questo è stato un incidente isolato e non comune alle auto a guida autonoma che sono attualmente in funzione.

Inoltre ha riconosciuto che potrebbe ancora accadere e che i produttori del sistema di controllo iDAR della AEye condurranno test , contraddicendo in sostanza ciò che avevano appena dichiarato.

Quindi state attenti quando prossimamente incontrerete una auto a guida autonoma con il sistema di rilevamento installato sul tetto!


  • Facebook - Black Circle

Facebook

  • Twitter - Black Circle

Twitter

  • Instagram - Black Circle

Instagram

Invia un suggerimento

RSS Feed
logo fotografiamo.png

il blog per chi ama la fotografia b

© 2019 by FotografiAmo.net. Proudly created by studioevidence www.fotografiamo.net

Fotografiamo.net non assume alcuna responsabilità per l'uso che potrebbe essere fatto di qualsiasi informazione o argomento contenuta nel sito, ne può garantirne l'esattezza in ogni minima parte anche se cura e pubblica il materiale con il massimo impegno e buona fede.