E i fotoreporter di Hong Kong partecipano alla conferenza stampa della HKPF in tenuta antisommossa d


La Polizia di Hong Kong (HKPF) ha assistito a uno spettacolo insolito mentre tenevano una conferenza stampa in seguito a una serie di proteste in tutta la città sulla controversa proposta di estradizione verso la Cina.

Fotografi e giornalisti che hanno partecipato all'incontro hanno indossato varie tute antisommossa, tra cui giubbotti ad alta visibilità, elmetti, maschere antigas e altro a seguito di una richiesta da parte dell'Associazione giornalistica di Hong Kong come mezzo per protestare contro il trattamento dei cittadini e dei giornalisti durante le proteste che si sono svolte in città.

Il disegno di legge, ufficialmente chiamato "Fugitive Offenders and Mutual Legal Assistance in Criminal Matters Legislative (Amendment) Bill" è stato pubblicato per la prima volta dal governo di Hong Kong il 29 marzo. Immediatamente, il disegno di legge ha subito reazioni contrastanti dai residenti di Hong Kong, organizzazioni per i diritti civili , organizzazioni giornalistiche e governi stranieri in quanto il disegno di legge richieda alla città e ai suoi abitanti di rispettare la legge cinese e successivamente sottoporli a un sistema giudiziario cinese se sospettati di un crimine, anche se l'individuo non ha mai messo piede sul territorio cinese.

Le proteste sono in corso dal 9 giugno con centinaia di migliaia di manifestanti che sono scesi nelle strade di Hong Kong per opporsi al disegno di legge e chiedere le dimissioni di Carrie Lam.

#dalmondo

  • Facebook - Black Circle

Facebook

  • Twitter - Black Circle

Twitter

  • Instagram - Black Circle

Instagram

Invia un suggerimento

RSS Feed
logo fotografiamo.png

il blog per chi ama la fotografia b

© 2019 by FotografiAmo.net. Proudly created by studioevidence www.fotografiamo.net

Fotografiamo.net non assume alcuna responsabilità per l'uso che potrebbe essere fatto di qualsiasi informazione o argomento contenuta nel sito, ne può garantirne l'esattezza in ogni minima parte anche se cura e pubblica il materiale con il massimo impegno e buona fede.