62.188 euro - è questo il prezzo da pagare per avere il Mac Pro con la massima potenza possibile

Aggiornato il: 13 dic 2019


Il nuovo prodotto di punta della mela è finalmente disponibile per l'acquisto, ed ovviamente come per tutti i nuovi modelli della Apple porta con se innumerevoli novità.


Tralasciando per un momento l'aspetto estetico, a parer personale non del tutto riuscito anche se molto curato come di consueto, vi parleremo invece del costo, esagerato, in linea con la potenza esagerata.


Ovviamente Apple punta ad essere leader nel settore Pro e non ha deluso le aspettative.


Il processore è un Intel Xeon W a 2,5GHz arriva fino a 28 core, 56 thread , un Turbo Boost fino a 4,4GHz con 66,5MB di cache, supporta la memoria a 2933MHz sino a 1,5 TB in 12 slot DIMM facilmente raggiungibili. La parte grafica è supportata da Due GPU Vega II, ciascuna con 64 unità di elaborazione e 4096 stream processor, fino a 64GB di memoria HBM2 (32GB per GPU), 1 TBps di banda di memoria per GPU, fino a 28,3 teraflops a precisione singola o 56,6 teraflops a mezza precisione, la connessione Infinity Fabric Link su scheda crea un collegamento con velocità fino a 84 GBps fra le due GPU Vega II, quattro porte Thunderbolt 3 e una porta HDMI 2.0 su scheda, quattro connessioni DisplayPort instradate verso il sistema per supportare le porte Thunderbolt 3 interne, supporta fino a otto monitor 4K, quattro monitor 5K o quattro Pro Display XDR, un MPX Module a tutta altezza occupa un intero alloggiamento MPX e utilizza un maggiore quantitativo di corrente e ampiezza di banda PCIe. Presenta vari slot di espansione PCI Express, e grazie all'Apple Afterburner, l'acceleratore ProRes e ProRes RAW su Scheda PCI Express x16 accelera i codec ProRes e ProRes RAW in Final Cut Pro X, in QuickTime Player X e nelle app compatibili di altri sviluppatori e permette al sistema di riprodurre fino a 6 stream video ProRes RAW a 8K o fino a 23 stream video ProRes RAW a 4K. Infine supporta fino a due modelli SSD da 4TB per un totale di 8TB di archiviazione dati.


Tutta questa folle potenza ovviamente non deve e non può essere dissociata dall'ecosistema OSX, l'errore che spesso si fa è proprio questo. Apple progetta il proprio hardware insieme al proprio software e questo è il vero vantaggio.


Il costo folle della configurazione massima, di €62.188, è fuori portata per il portafoglio del 99% degli utenti, ma anche il costo della versione base non è propriamente accessibile, si parla comunque di € 6.599.


Diciamo però che sono soldi ben spesi, in quanto un prodotto Apple ha una vita media notevolmente maggiore rispetto d un prodotto in ambiente Windows.


Un Mac Pro può tranquillamente arrivare alla veneranda età di 10 anni ed essere ancora un prodotto valido, facendo rientrare l’investimento senza grandi problemi.

Al costo di una piccola utilitaria potete portarvi a casa il modello base del nuovo, potente, e bellissimo (A gusto personale ovviamente) Mac Pro, ma se non vi bastasse la potenza, al un costo di un piccolo monolocale acquistare la versione full optional. Ricordate però, lo schermo è a parte.



  • Facebook - Black Circle

Facebook

  • Twitter - Black Circle

Twitter

  • Instagram - Black Circle

Instagram

Invia un suggerimento

RSS Feed
logo fotografiamo.png

il blog per chi ama la fotografia b

© 2019 by FotografiAmo.net. Proudly created by studioevidence www.fotografiamo.net

Fotografiamo.net non assume alcuna responsabilità per l'uso che potrebbe essere fatto di qualsiasi informazione o argomento contenuta nel sito, ne può garantirne l'esattezza in ogni minima parte anche se cura e pubblica il materiale con il massimo impegno e buona fede.