• Rodolfo Felici

Intervista a Paul Kessel

Gentile dottor Kessel, grazie per aver accettato la nostra richiesta di una intervista. So che è uno psicologo clinico, professore universitario. Ciascuno di noi riversa il proprio bagaglio culturale nella propria arte. Ci può raccontare il ​​rapporto che esiste tra le sue opere e la psicologia?


Grazie per aver osservato il mio lavoro e per avermi chiesto di essere intervistato. La mia carriera di psicologo clinico sembra una vita fa. La maggior parte delle persone presume che informi la mia fotografia, ma non sono così sicuro che vada al di là di un certo interesse per la gente.


Come hai iniziato a dedicarti alla fotografia e quando?


Ho iniziato a fotografare all'età di 13 anni. Dopo l'interesse iniziale è seguito un periodo di quasi 60 anni in cui la macchina fotografica è rimasta in un cassetto di casa. La portavo fuori in occasioni relativamente rare. Un autentico e sostenuto interesse per la fotografia è nato in me un mese prima del mio 70 ° compleanno quando ho seguito un corso per principianti presso The International Center of Photography. Da quel giorno in avanti ho continuato a studiare lì, per oltre dieci anni. Il mio interesse iniziale era per i ritratti, ma poi ho scoperto la fotografia di strada che mi ha assorbito totalmente.

Ora, a quattordici anni di distanza, non esco mai senza una macchina fotografica (ad eccezione di questo periodo di pandemia).


New York City sembra la città perfetta per la street photography. Ogni angolo sembra raccontare storie, almeno così sembra dal tuo lavoro e da quello di tanti illustri colleghi. Secondo te è fondamentale vivere in una grande metropoli per fare fotografie di strada o è possibile farlo anche nel giardino di casa propria? È ancora possibile fare street photography dall'inizio della pandemia?


Ho vissuto a New York per la maggior parte della mia vita e la maggior parte delle mie fotografie sono state scattate lì. Negli ultimi dieci mesi della pandemia di CoVid-19 ho vissuto un periodo di permanenza forzata a casa, seguito da un trasferimento temporaneo dalla città in un'area rurale. Mi piace ripetere a me stesso che le immagini emergono ovunque e che il luogo non è così importante, tuttavia, senza una città frenetica, il mio desiderio svanisce. Mi sembra di aver bisogno di persone da fotografare. Lo considero un difetto, ma accetto questa mia necessità. Teoricamente, professo di credere che si possa fotografare ovunque e in qualsiasi momento. Alcuni fotografi di strada sono più concettuali e possono fare una fotografia praticamente dal nulla. Altri, come me, hanno bisogno di qualcosa al di fuori della loro testa per reagire e scattare una foto. Si tratta di un mix di concetti e reazioni immediate istintive con le quali fotografi differenti convivono sempre, preferendo lavorare più con un approccio piuttosto che con l'altro.


La tua foto della madre in metropolitana (che fa parte del progetto Underground) è stata definita una delle migliori foto del 2020. Puoi dirci perché pensi che l'immagine funzioni e perché parla così bene a persone di diverse etnie?


La mia fotografia "Q Train", una foto di una giovane madre e delle sue due figlie nella metropolitana di New York, ha avuto più apprezzamenti di qualsiasi altra mia foto. È stata scattata nel 2019 quando la pandemia non aveva ancora raggiunto gli Stati Uniti, ed è stata una fortuna totale che si fossero seduti di fronte a me. Avevo finito di scattare, dopo una lunga giornata passata a Coney Island (una spiaggia, lungomare e parco di divertimenti che si trova a Brooklyn). Stavo guardando il retro della mia macchina fotografica per vedere se qualche foto della giornata fosse degna di nota. Non ne trovai nessuna, e mi sentivo infastidito dal fatto di non essere riuscito a tornare con almeno una foto che valesse la pena salvare. Quando ho alzato lo sguardo ho visto la famiglia ed ho iniziato a premere l'otturatore nel modo più discreto possibile. Ho indovinato le impostazioni della fotocamera inclusa la messa a fuoco. Ho realizzato più scatti a distanza ravvicinata. Ecco perché penso che l'immagine funzioni: in primo luogo, sono un soggetto sorprendente, vestiti allo stesso modo con colori coordinati e attraenti da vari punti di vista. In secondo luogo, le loro espressioni e interazioni sono interessanti. Terzo, la composizione funziona e, sorprendentemente, la luce non è male per la metropolitana. Inoltre, l'espressione della madre nella foto che ho scelto è ambigua e lascia spazio ad interpretazioni differenti. In fin dei conti avevo rinunciato alla giornata e non stavo "cercando" di tirar fuori una buona immagine. È successo tutto senza interferenze da parte del mio stato mentale. Per quanto riguarda il motivo per cui può attrarre persone di diverse etnie, la mia ipotesi è che parli di qualcosa di universale sull'essere una madre impegnata.



So che sei un giocatore di golf professionista. Sono profondamente convinto che esista una stretta relazione tra fotografia e sport, e che un certo tipo di fotografia ci alleni a cogliere le opportunità. Puoi parlarci del rapporto tra i due?


Penso spesso che la fotografia di strada e lo sport abbiano dei punti in comune. Ho giocato a golf agonistico per la maggior parte della mia vita e perciò mi viene spontaneo paragonarla in particolare modo al golf. Forse il più grande punto di contatto fra le due discipline è il rapporto con il fallimento. Poco fa vi ho raccontato della foto in metropolitana, e del fatto che avevo appena concluso una giornata di riprese e senza riuscire ad ottenere una buona immagine. Questo fa parte del gioco. Le fotografie eccezionali sono rare. La fotografia di strada spontanea prevede nella sua essenza che siano molto più numerosi i fallimenti che successi. È possibile tornare a casa con alcuni scatti discreti, ma quelli veramente buoni sono sfuggenti. Questo è vero anche per i migliori fotografi. Allo stesso modo, nel golf o probabilmente in qualsiasi altro sport, il grande tiro o il gioco eccezionale non si verificano spesso. La loro rarità fa parte di ciò che li rende così amati. La fotografia di strada, come per lo sport è principalmente nella ricerca e non nel successo.

Il concetto di "entrare nella zona" e di "flusso", quando si è trascinati dal processo e fotografare sembra così facile per un periodo, è simile a quello che prova un atleta quando entra in quello stato raro. Nella fotografia di strada e nella maggior parte degli sport, molte variabili sono fuori dal controllo dell'individuo. Questa è un'altra delle tante somiglianze, come lo è la fortuna.



Che tipo di attrezzatura fotografica utilizzi e perché?


Ho poche fotocamere. La variabile dell'attrezzatura è quella che in assoluto ha importanza minore rispetto all'abilità del fotografo, allo stato mentale del fotografo, a chi o cosa può apparire in qualsiasi momento e alla fortuna. A volte uso una fotocamera mirrorless Sony A9II e talvolta una Leica M10. A volte eseguo la messa a fuoco automatica e a volte la messa a fuoco a zone. La maggior parte delle fotocamere moderne è eccellente e l'aspetto che conta maggiormente nella scelta dello strumento la sensazione che prova il fotografo tenendolo fra le mani. Inoltre, dato che la fotocamera è sempre con me, preferisco portare qualcosa di relativamente leggero ed essere libero dal trascinare attrezzature extra. La maggior parte delle volte uso un obiettivo principale da 35 mm e talvolta 28 mm. Non uso mai un obiettivo zoom. Credo che legarsi ad un obiettivo aiuti ad allenare l'occhio e che sia meglio utilizzare le gambe che uno zoom.


Pensi che sia fondamentale portare sempre con te una macchina fotografica? Cosa pensi degli smartphone come strumento per la fotografia?


Penso che, condizioni permettendo, sia preferibile considerare la fotocamera come un capo di abbigliamento da indossare abitualmente prima di uscire. Per me aiuta molto avere sempre una macchina fotografica sempre con sé. Altri potrebbero tranquillamente farne a meno.

Utilizzo di rado il telefono per la fotografia, ma sono consapevole che ha un enorme potenziale se utilizzato bene.


Come stai vivendo questo strano periodo? Puoi parlarci del progetto Solitary e di cosa ha rappresentato per te?


L'attuale pandemia ha temporaneamente interrotto la mia fotografia di strada ed è doloroso per me. Sono eccezionalmente vecchio per un fotografo di strada (83 anni) e ho paura che potrei non tornare a farlo. Tuttavia, aspetto con impazienza di ricominciare. Il mio progetto "Solitary" è stato portato a termine circa un mese dopo la pandemia, quando ero a casa da solo per lunghi periodi di tempo. Non volevo smettere di scattare e il progetto, costituito da autoritratti, prima da solo e poi con manichini, ha soddisfatto la mia esigenza di continuare a fotografare. Mi ha impegnato molto e, con mia grande sorpresa, credo che abbia avuto successo.


Quali sono gli autori che più ispirano il tuo lavoro o chi consiglieresti di studiare?


Sono stato ispirato da molti fotografi di strada, alcuni dei grandi e alcuni fotografi contemporanei, compresi gli amici. Cercando su Google "grandi fotografi di strada" troverete l'elenco delle persone che mi hanno influenzato. Sono stato fortunato ad aver studiato personalmente con alcune delle persone in quella lista. Gli altri, che non sono più con noi, mi hanno influenzato attraverso i loro libri.


Credi che la fotografia ti abbia cambiato la vita, che ti abbia aperto nuove strade, nuove possibilità interiori o esteriori? Ti ha aperto le porte a mondi con cui non avresti mai pensato di entrare in contatto?


Le cose più importanti che la fotografia ha aggiunto alla mia vita sono tre: in cima alla lista ci sono le amicizie e la compagnia. Non esagero nel dirvi quanto questo possa essere stato importante per me per me. La seconda cosa è il rinnovato senso di scopo e di immersione mentale, e l'ultimo è una sensazione di competenza con un pizzico di gloria.



Dove è possibile acquistare i tuoi libri per vedere le tue opere?


Ho autopubblicato circa 20 libri, la maggior parte dei quali libri di fotografia di strada con Blurb Books. Possono essere acquistati o visualizzati in anteprima su www.blurb.com o sul mio sito Web, www.paulkessel.com (nella categoria "libri"). Questi non sono libri veri per me. Mi piacerebbe avere un libro pubblicato e aspiro a quello. Per ora, il mio lavoro più recente è nei libri "Never the Final Edit, Version 6" e "Solitary".



Paul Kessel ha partecipato a circa 110 mostre collettive, alcune su invito e la maggior parte da concorsi. Ha tenuto 3 mostre personali alle Gallerie di New York, è stato finalista al Miami Street Festival tre volte (2017, 2018, 2020) ed è stato vincitore nel 2020. È stato finalista al San Francisco Streetfoto Festival, al London Street Festival e vincitore del più recente contest di strada di Los Angeles (“Shooting Around the World_LACP 2020). È stato finalista di Lens Culture Street (2016, 2020) e ha vinto il 3 ° posto nel 2020.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
  • Facebook - Black Circle

Facebook

  • Twitter - Black Circle

Twitter

  • Instagram - Black Circle

Instagram

Invia un suggerimento

logo fotografiamo.png

il blog per chi ama la fotografia b

© 2019 by FotografiAmo.net. Proudly created by studioevidence www.fotografiamo.net

Fotografiamo.net non assume alcuna responsabilità per l'uso che potrebbe essere fatto di qualsiasi informazione o argomento contenuta nel sito, ne può garantirne l'esattezza in ogni minima parte anche se cura e pubblica il materiale con il massimo impegno e buona fede.