G-CNG5V1EEK1
top of page

Le migliori immagini scattate dal telescopio spaziale James Webb nel 2022



Il James Webb Space Telescope, chiamato anche solo Webb, ha intrapreso il suo viaggio nello spazio il 25 dicembre 2021 e da allora abbiamo potuto ammirare una serie di straordinarie immagini del cosmo.

È passato poco più di un anno da quando Webb, costato 10 miliardi di dollari, è stato lanciato dal Guyana Space Center il giorno di Natale. Il telescopio Webb ha aperto nuovi orizzonti per l'astronomia utilizzando i raggi infrarossi grazie a tecnologie all'avanguardia, oltre ad essere il più grande telescopio mai inviato nello spazio. Questo straordinario telescopio trascorrerà il prossimo decennio in equilibrio gravitazionale tra il Sole e la Terra esplorando l'universo nell'infrarosso.


Ma perché un telescopio ad infrarossi?

L'opacità dell'atmosfera terrestre, causata da elementi come vapore acqueo e anidride carbonica, ostacola la visualizzazione dei telescopi ottici a terra in quanto la luce proveniente dallo spazio viene bloccata o alterata da questi elementi, nonostante le recenti innovazioni dovute all'ottica adattiva che corregge le sfocature in campi ridottie in presenza di stelle luminose. Il telescopio spaziale Hubble ha ovviato a queste implicazioni, orbitando oltre l'atmosfera.


La polvere cosmica e i gas delle nubi interstellari sono però un limite anche per i telescopi ottici spaziali. Inoltre, poiché l'Universo è in costante espansione, la luce dei corpi nello spazio profondo in allontanamento tende anch'essa a spostarsi, giungendo quindi al rivelatore con ridotta frequenza.


Questi oggetti sono perciò rilevabili più facilmente se osservati con strumenti ottimizzati per lo studio delle frequenze nell'infrarosso.


Le osservazioni a raggi infrarossi consentono lo studio di oggetti e di regioni dello spazio altrimenti oscurate dai gas e dalle polveri nello spettro visibile. Le nubi molecolari feconde di formazioni stellari, i dischi protoplanetari, e i nuclei di galassie attive sono tra gli oggetti relativamente freddi che emettono radiazioni prevalentemente nell'infrarosso e quindi studiabili da un telescopio a infrarossi.


Il cuore del Webb sono le 4 fotocamere infrarosso, incentrate tutte su un diverso aspetto degli infrarossi:

  • La NIRCam (Near InfraRed Camera) è la principale macchina fotografica del Webb, che copre la gamma di lunghezze d'onda in infrarosso da 0,7 a 4,8 micrometri

  • Il NIRSpec (Near InfraRed Spectrograph) uno spettrografo operante nel vicino infrarosso ad un intervallo di lunghezze d'onda da 0,6 a 5 micrometri, con una durata di utilizzo minima stimata in 5 anni

  • La MIRI (Mid Infrared Instrument) è composta da una macchina fotografica e da uno spettrografo che rileva la luce nella regione del medio infrarosso dello spettro elettromagnetico, coprendo lunghezze d'onda da 5 a 28 micrometri

  • FGS/NIRISS (Fine Guidance Sensor / Near Infrared Imager and Slitless Spectrograph) è uno spettrografo visualizzatore nel vicino infrarosso, usato per il test di prima luce, rilevamento e caratterizzazione di esopianeti e spettroscopia per transiti planetari. FGS/NIRISS ha una lunghezza d'onda di 0,8 a 5,0 micrometri con tre camere, fornendo così un terzo livello di ridondanza nei dati

Di seguito Alcune delle straordinarie immagine elaborate attraverso le fotocamere del telescopio Webb:

















Copyright NASA's James Webb Space Telescope.