G-CNG5V1EEK1
 

La prima foto del lander InSight con tecnologia italiana!


Foto NASA / JPL-Caltech / Lockheed Martin, utilizzata in Public Domain

Foto NASA / JPL-Caltech / Lockheed Martin, utilizzata in Public Domain


Dopo un viaggio durato 6 mesi e poco meno di 500.000.000 di Km , contrariamente alla missione Russa, il lander InSght è atterrato in tutta sicurezza sul suolo marziano, inviando i primi dati sulla Terra e con essi le prime fotografie.


Sono state inviate una raccolta di foto da 1 megapixel, con campo visivo di 45x45 gradi, tutte scattate dalla Instrument Deployment Camera (IDC) integrata nel braccio robotico del lander, passando attraverso l'Odyssy della Nasa che orbita intorno al pianeta per arrivare poi al Jet Propulsion Laboratory della Nasa in California.


La prima fotografia condivisa pubblicamente è stata inviata ed appare ricoperta di polvere e detriti, probabilmente con ancora il "copri obiettivo" montato. Cosa che ha portato molta ilarità tra gli utenti tweeted sul profilo NASAInSight.

La seconda fotografia condivisa mostra invece parte del veicolo e dell'attrezzatura e uno scorcio della vasta pianura che si trova nell'equatore di Marte detta Elysium Planitia, nella seconda regione del pianeta con la maggior concentrazione di vulcani del pianeta Rosso.

Perché proprio in questa zona? perché in una missione precedente del 2005 la sonda spaziale Mars Express individuò un area ghiacciata grande come il Mare del Nord, 900km x 800km e profonda 45 metri.

0 commenti