Wikipedia vuole le tue foto, gratis

Aggiornato il: 28 ott 2019


Qualche giorno fa sono venuto a conoscenza del concorso fotografico organizzato ogni anno da Wikipedia nel mese di settembre. Ammetto di non essere un amante dei concorsi fotografici, anzi chi mi conosce sa che sul mio sito spiego che volontariamente non partecipo più ai concorsi fotografici da molti anni, ma allo stesso tempo essendo occasionalmente un fruitore del sito Wikipedia mi sono incuriosito. Mi è capitato in passato di correggere degli errori o di aggiornare dei dati sulle pagine di Wikipedia perché il progetto di per sé lo trovo meritevole, anche se mi rimangono molte perplessità sui problemi legati al copyright.

Il concorso si intitola “Wiki Loves Monuments”, ma a mio avviso si dovrebbe aggiungere “and Hates Photographers”. Mi spiego meglio: non penso che ci sia nulla di illegale nel concorso e che a suo modo possa essere anche considerato una bella iniziativa, ma leggendo i termini sul sito mi sorgono alcuni dubbi. Il primo di questi è che si trova scritto che “tale concorso si propone di valorizzare e documentare l’immenso patrimonio culturale dell’Italia sul web, promuovendo la sua ricchezza artistico-culturale presso una vasta platea internazionale, in particolare, attraverso la promozione della conoscenza e i progetti “open content” (a contenuto aperto) sostenuti da Wikimedia Foundation e da Wikimedia Italia stessa”, in poche parole, se ho capito bene, chi si iscriverà perderà ogni diritto commerciale sul suo lavoro in quanto le foto dovranno essere di uso pubblico, anche se non commerciale. Le foto verranno pubblicate nelle pagine di Wikipedia, ma vi chiedo: chi di voi leggendo una pagina della nota enciclopedia libera è andato a leggere l’autore delle foto pubblicate nel sito? Io, che sono una persona curiosa e che lavora nella fotografia da anni, sinceramente non lo ho mai fatto.

Poi trovo scritto che chiunque può partecipare al concorso dopo essersi iscritto ed inviare quante foto voglia legate a monumenti specifici che si trovano in un elenco, questo mi fa pensare che più che ad una ricerca della qualità nelle fotografie ci sia una ricerca di materiale da utilizzare gratis sulle pagine di Wikipedia. Inserire un numero di foto massimo sarebbe utile ad avere un selezione di qualità visto che verranno premiati solamente i primi 10 classificati. In una platea così larga (nel 2014 oltre un milione le foto caricate a livello globale) e che può inviare infinite fotografie questo limita fortemente le possibilità di vittoria di chiunque voglia partecipare e gli effettivi vincitori sono da considerarsi dei reduci.

La giuria ed i premi vengono specificati anno per anno ed alcuni giurati sono anche persone di alto profilo del mondo della fotografia ed i premi che spettano ai primi 10 classificati sono tutto sommato limitati se si considera quanto costerebbe a Wikipedia accumulare le migliaia di fotografie che riceve nel caso in cui decidesse di pagarle a professionisti del settore.

La condivisione libera è l’essenza di Wikipedia e del suo progetto, ma allo stesso tempo per un settore in difficoltà come quello della fotografia, che già ha a che fare con i problemi generati dal microstock e dall’ego dei fotoamatori che sono pronti a regalare il loro lavoro in cambio di visibilità, questo genere di iniziative può rappresentare un effettivo danno a tutta la categoria. Non è un segreto se vi dico che più volte ho sentito dire che per contenere i costi anche su riviste blasonate (ma si dice il peccato e non il peccatore) è preferibile avere una foto dozzinale di un fotoamatore che ne ceda i diritti gratis ad una fotografia scattata da un professionista.

Ovviamente non sarà questo concorso a spostare le sorti del mercato della fotografia, ma è un ulteriore tassello che si va ad aggiungere ai tanti che hanno contribuito a generare una crisi di uno dei mercati, quello della fotografia professionale, che è stato in passato molto importante e che oggi potrebbe tornare ad esserlo se la logica di mercato non fosse quella di ottenere il materiale gratis.

Se ve lo state chiedendo vi assicuro che io non parteciperò e consiglio anche a voi di pensarci bene prima di partecipare. Ognuno è libero di partecipare, ma veramente non siete stufi di regalare il vostro lavoro? Comprate attrezzature costose, perdete tempo e soldi per scattare le vostre foto e veramente la cosa migliore che vi viene in mente di fare è regalarle? PS Il logo qui sopra è stato realizzato dall’utente Lusitana, quanti di voi si sono chiesti chi fosse l’autore? Questo è l’esatto numero di quanti si chiederanno di chi è la foto che l’autore ha regalato al sito internet.

#Wikipedia

  • Facebook - Black Circle

Facebook

  • Twitter - Black Circle

Twitter

  • Instagram - Black Circle

Instagram

Invia un suggerimento

RSS Feed
logo fotografiamo.png

il blog per chi ama la fotografia b

© 2019 by FotografiAmo.net. Proudly created by studioevidence www.fotografiamo.net

Fotografiamo.net non assume alcuna responsabilità per l'uso che potrebbe essere fatto di qualsiasi informazione o argomento contenuta nel sito, ne può garantirne l'esattezza in ogni minima parte anche se cura e pubblica il materiale con il massimo impegno e buona fede.